Che Cosa Sono I Controlli Visivi? 

Il primo fra i controlli non distruttivi, è l’esame visivo (VT) che, di norma, anticipa tutti gli altri metodi previsti. Contrariamente a quanto si può pensare, preparare ed eseguire l’esame visivo può essere complesso.

È il metodo di base dei CND e permette il controllo dei semilavorati nelle fasi intermedie del ciclo di produzione e del prodotto durante il collaudo finale o nelle verifiche periodiche previste dalla legge. L’indagine ha lo scopo di individuare difetti superficiali, valutare se l’oggetto abbia o meno le caratteristiche richieste e per apportare eventuali modifiche.

L’esame visivo può essere di due tipologie: DIRETTO o REMOTIZZATO.

Nell’esame visivo DIRETTO , si ha la possibilità di accedere ad occhio nudo a tutte le parti dell’oggetto e verificarne visivamente l’integrità.

L’esame visivo REOTIZZATO ricorre all’utilizzo di lenti o endoscopi a basso fattore d’ingrandimento, boroscopi, lampade e foto ingrandite.

Ricercare difetti sulla superficie dei manufatti, richiede condizioni di luce, preparazione orientamento, e in alcuni casi l’utilizzo di strumenti per vedere superfici non direttamente accessibili (specchi, endoscopi etc.).

Questa tipologia di controlli non distruttivi, come già anticipato ha diversi campi di applicazione, in particolare viene impiegato per il controllo visivo delle saldature e il controllo visivo di tubazioni e pipeline.

Presso la nostra azienda siamo in grado di poterti assistere nei tuoi esami visivi, sia in termini di fornitura prodotti e strumenti, sia in termini di assistenza dedicata dal nostro team tecnico.